il mio pensiero

La magia di un oggetto in raku inizia ancora quando tieni tra le mani un pezzo di argilla e stai pensando a cosa realizzare. La materia prende forma tra le mani e la mente corre attraverso fantasie da concretizzare ... smalti, cristalline, fuoco. Dopo la smaltatura del pezzo, finalmente "la cottura" ... e qui si apre un nuovo momento, fatto di pensieri, osservazione e tecnica, perché un pezzo finito è la somma di tutte queste cose. Cuocere un oggetto con la tecnica raku è un'esperienza unica, coinvolgente, sempre diversa di volta in volta. Un'esperienza che infonde molta energia, grande entusiasmo e gioia. Il raku è un'arte che affascina e coinvolge sia l'esecutore che lo spettatore. Un oggetto in raku trasmette al tatto sensazioni diverse come calore, mistero, unicità e sembra raccontare attraverso i giochi di colore e fumo la sua storia.

giovedì 21 giugno 2018

PALAZZO GAZELLI, BREVE STORIA DI UNA MOSTRA




A volte da un incontro possono nascere nuove opportunità. Infatti durante la mostra di Ceramica al Cortilone abbiamo conosciuto i proprietari di palazzo Gazelli di Asti. La mostra è piaciuta loro talmente tanto da proporci una nuova esibizione nel loro palazzo storico. Abbiamo lavorato in sinergia, organizzando al meglio il nuovo evento e in maggio siamo approdati ad Asti. Il palazzo, che essendo privato viene aperto in occasione di eventi particolari durante l 'anno, è stata la perfetta cornice per l' esposizione delle nostre ceramiche e anche una bella opportunità per i visitatori di conoscere questa location, che potrei definire una "piccola perla" del centro storico di Asti.











Il nostro spazio espositivo
Le "Polo" di Mara Funghi 
"Totem" di Stefano Garoldi

Pino Ruzzeddu

Marina Boschi 
        
"Puntini sospesi" di Carla Giustacori 

"Mondo sommerso " di Cristina Gilli 

Stella Fiori

"Le sfere " di Manuela Nayim Rossi 
"le teste pensanti" di AMOMI 
"Satelliti" di Maria Elena Giorgini 

Nessun commento:

Posta un commento